lunedì 3 settembre 2018

Sull'altipiano del Nanos (Slovenia) / Slovenia. On the Nanos plateau

Slovenia. Podkraj del Piro (foto Daniela Durissini)

Il massiccio del monte Nanos, in Slovenia, delimita a Nordest la Valle del Vipacco. La sua cima caratteristica, segnata dal "Naso", che scende a balze alternate di rocce ed erba fino alla sella di Razdrto, non è che il punto più alto di un vastissimo altipiano carsico, dai fianchi ripidi ma non privi di facili accessi, sul lato esposto a meridione, e coperto dai magnifici boschi della Selva di Piro sul lato opposto. 
Questa volta partiamo da Podkraj del Piro, sperduto avamposto tra il paese di Col, sulla strada che sale dalla cittadina di Ajdovscina, e la vecchia stazione di posta di Hrušica, oggi trasformata in trattoria con alloggio.

Casa contadina
Podkraj. Vecchia casa contadina (foto Daniela Durissini)




Il paese, composto da poche case, è un'oasi di pace: alle spalle ci sono gli ampi prati da sfalcio, davanti, la foresta. Qualche vecchia casa contadina presenta ancora gli ampi tetti a sporto, che avevano la doppia funzione di riparare la facciata e di contenere il fienile. 





Proprio da qui, in discesa dal Javornik e diretta al Nanos, passa la Tranzversala, o Slovenska Planinska Pot, lunghissimo percorso escursionistico che unisce la Giulie Slovene al mare. Il percorso è ben segnato e, d'altronde, non ci si può sbagliare, una volta imboccata l'interminabile sterrata che conduce verso Abram (c'è un solo bivio, d'altronde segnalato, che devia dal percorso per scendere a Bukovje).


(foto Daniela Durissini)



Nella stagione calda qui si sta benissimo, dato che la maggior parte del tracciato è protetta dall'ombra degli alberi secolari, in inverno, se c'è la neve (e qui arriva spesso), è un bel camminare, magari con le racchette da neve. Certo la gran parte del percorso, attraversando la foresta, non offre alcun panorama, benché a tratti il bosco si apra sulle vallate circostanti, ma dopo un paio d'ore di cammino la selva lascia il posto ai prati e si giunge sull'altipiano, da dove la vista spazia fin quasi al mare. 







Il paesaggio cambia radicalmente, qua e là ci sono delle piccole case, i prati fioriti sono recintati e destinati al pascolo, la strada sterrata scende a curve verso Abram. Qui un agriturismo molto noto attira i visitatori, che vi giungono, per lo più in automobile, salendo da Vipava. 


Abram
Altipiano del Nanos (foto Daniela Durissin)

Molto meglio la pace ed il silenzio del bosco e la merenda al sacco, seduti su uno dei numerosi tronchi che i taglialegna abbattono seguendo una rigorosa rotazione che consente l'attività a salvaguardia della selva.