mercoledì 31 gennaio 2018

L'impero Ottomano fotografato dai Sébah / The Ottoman Empire photographed by the Sébahs

⇓english version available


Pascal Sébah. Due curdi ed un prete ortodosso
Pascal Sébah nacque a Costantinopoli (ora Istanbul), capitale dell'impero ottomano, nel 1823, da madre armena e padre siriano, di religione cattolica. All'età di 34 anni aprì uno studio fotografico e si fece conoscere per le immagini della città, molto apprezzate dai turisti, che le acquistavano per i loro album di ricordi di viaggio.

Pascal Sébah was born in Constantinople (now Istanbul), capital of the Ottoman Empire, in 1823, from an Armenian mother and a Syrian father, of Catholic religion. At the age of 34 he opened a photography studio and became known for the images of the city, much appreciated by tourists, who bought them for their travel memories albums.

Pascal Sébah. Costantinopoli
Collaborò con il famoso pittore Osman Hamdi Bey, fotografando modelli vestiti con costumi tradizionali che poi venivano riprodotti da Osman nei suoi quadri. Fu proprio il pittore, il quale, nel 1873, era stato nominato dalla corte ottomana quale sovrintendente alla mostra sull'impero che si doveva portare a Vienna, in occasione dell'Esposizione universale, a dargli l'occasione di esporvi alcune delle sue opere, riunite in un celebre album: Les Costumes populaires de la Turquie, che gli fece ottenere una medaglia d'oro a Vienna ed un premio da parte del sultano.

He collaborated with the famous painter Osman Hamdi Bey, photographing models dressed in traditional costumes that were then reproduced by Osman in his paintings. It was precisely the painter who, in 1873, had been appointed by the Ottoman court as superintendent of the exhibition on the empire that was to be brought to Vienna, on the occasion of the Universal Exposition, to give him the opportunity to exhibit some of his works, collected in a famous album: Les Costumes populaires de la Turquie, which earned him a gold medal in Vienna and a prize from the sultan.

Pascal Sébah. Ritratto del sultano Abdul Aziz
Il grande successo ottenuto lo fece conoscere ben al di fuori della sua città natale e così aprì uno studio di fotografia anche al Cairo.

The great success obtained made him well known outside his hometown and so he opened a photography studio in Cairo.

Pascal Sébah. Ritratto di giovane egiziana
Morì a 63 anni, nel 1886, e lo studio di Costantinopoli fu portato avanti dal fratello, Cosmi, al quale, nel 1888, all'età di 16 anni, si unì il figlio di Pascal, Jean Pascal. Allora giovanissimo questi continuò l'attività del padre, girando per i paesi anatolici e cogliendo persone e paesaggi, e recandosi anche in Egitto, dal quale riportò, tra l'altro, alcune celebri immagini di Nubiani. Lavorò assieme al fotografo francese Policarpe Joaillier.
Nel 1893 il sultano Abdulhamid gli commissionò alcuni album fotografici, con lo scopo di documentare i diversi aspetti dell'impero ottomano, da donare agli ospiti ed ai politici stranieri. Uno di questi album, ora depositato alla Biblioteca del Congresso, fu donato a G. Cleveland, presidente degli Stati Uniti.
Jean Pascal è morto nel 1947.

He died at the age of 63, in 1886, and the study of Constantinople was carried out by his brother, Cosmi, to whom, in 1888, at the age of 16, the grandson, Jean Pascal, joined. He, a very young age, he continued his father's business, touring the Anatolian countries and photographing people and landscapes, and also going to Egypt, from which he brought, among other pictures, some famous Nubian photos. He worked together with the French photographer Policarpe Joaillier.
In 1893 the Sultan Abdulhamid commissioned to him some photographic albums, with the aim of documenting the different aspects of the Ottoman Empire, to be given to foreign guests and politicians. One of these albums, now filed at the Library of Congress, was donated to G. Cleveland, president of the United States.
Jean Pascal died in 1947.

Jean Pascal Sébah. Strada di Costantinopoli
Il lavoro dei Sébah, com'è facile intuire, è di fondamentale importanza perché documenta l'evoluzione della società turca e del paese a cavallo dei secoli XIX e XX. Inoltre il valore documentaristico dell'opera dei due fotografi è evidente anche nelle immagini scattate in Egitto.

The work of the Sébahs, as it is easy to understand, is of fundamental importance because it documents the evolution of Turkish society and of the country at the turn of the nineteenth and twentieth centuries. Furthermore, the documentary value of the work of the two photographers is also evident in the images taken in Egypt.