martedì 6 febbraio 2018

Parco Naturale di Strunjan - Strugnano (Slovenia) / Strunjan landscape Park (Slovenia)

⇓english version available


Parco Naturale di Strunjan. Falesie (foto Daniela Durissini)
Il Parco Naturale di Strunjan (Strugnano), comprende un ampio territorio costiero di tutela, che ingloba le Riserve Naturali di Strunjan e di Strunjan-Stjuža; di quest'ultima ho già parlato alcuni giorni fa. Oggi vi racconto della prima riserva, che è stata istituita per difendere l'ambiente straordinario delle falesie di flysch.

The Natural Park of Strunjan (Strunjan) includes a vast territory of coastal protection, which includes the nature reserves of Strunjan and Strunjan-Stjuža; I've already talked about the latter a few days ago. Today I will talk about the first reserve, which was established to defend the extraordinary environment of the flysch cliffs.


Parco Naturale di Strugnano (foto Daniela Durissini)
Queste formazioni, si trovano nella parte più settentrionale del Parco, dalla Baia di San Simeone verso sud, e rappresentano il dirupo di flysch più ampio dell'intera costa adriatica. Gli strati di questo materiale sono assai inconsistenti e vengono modellati dagli agenti atmosferici in splendide formazioni che si elevano fino ad un massimo di 80 metri sopra il livello del mare. Un percorso recentemente rinnovato ed attrezzato conduce il visitatore dal parcheggio di Strunjan, dapprima su stradina asfaltata e ben presto su sentiero lungo il costone a picco sul mare, sempre ben difeso e sicuro. Numerosi cartelli richiamano l'attenzione sulla flora, che qui ha caratteristiche mediterranee, con la presenza del leccio, dell'alloro, dei grandi terrazzamenti coltivati ad ulivo. 

These formations are located in the northernmost part of the Park, from the San Simeone Bay to the south, and represent the widest flysch cliff on the entire Adriatic coast. The layers of this material are very inconsistent and are shaped by weathering in splendid formations that rise up to a maximum of 80 meters above sea level. A recently renovated and equipped path leads the visitor from the Strunjan car park, first on a paved road and soon on a path along the ridge overlooking the sea, always well defended and safe. Numerous signs draw attention to the flora, which here has Mediterranean characteristics, with the presence of holm oak, laurel, and large terraces cultivated with olive trees. 


Vista dal Sentiero delle Falesie sulla Laguna Stjuž(foto Daniela Durissini)
Ma la vista, man mano che ci si alza, viene attratta dapprima dal vicino promontorio di Pirano, con la chiesa di San Giorgio, poi dalle saline di Stjuža ed infine dal mare e dalla costa che si vede oltre il golfo, dove si può ammirare Trieste e, dietro, un'immagine inusuale del Carso e dei monti più distanti. Nei giorni di bel tempo, quando il cielo è particolarmente limpido, lo sguardo si spinge fino alle vette delle Alpi Giulie ed al Triglav.


But the view, as you get up, is attracted first by the nearby promontory of Piran, with the church of St. George, then by the salt pans of Stjuža and finally by the sea and the coast that you see beyond the gulf, where you can see Trieste and, behind, an unusual image of the Karst and the most distant mountains. In good weather, when the sky is particularly clear, the view goes to the peaks of the Julian Alps and Triglav.


Trieste ed il Monte Nanos visti dal Sentiero delle Falesie (foto Daniela Durissini)
Proprio in cima alla scogliere si trova la croce in pietra bianca, segnale per i marinai ma anche atto di fede, dato che nelle vicinanze si trova il santuario di Santa Maria della Visione, eretto a ricordo di una visione della Vergine avuta, nel 1512, da alcuni guardiani delle vigne e ben presto divenuto uno dei più visitati luoghi di culto dell'Istria.
Alla croce si può scendere verso la chiesa oppure si può continuare verso nord, per raggiungere la parte del sentiero più esposta sulle falesie e, di seguito il colle coltivato ad ulivi che precede la lunga discesa verso la cittadina costiera di Isola. 


Croce sul Sentiero delle Falesie (foto Daniela Durissini)
Right at the top of the cliffs is the white stone cross, signal to the sailors but also an act of faith, since nearby is the sanctuary of Santa Maria della Visione, erected in memory of a vision of the Virgin had, in 1512, by some vines guardians, and soon became one of the most visited places of worship in Istria.
At the cross you can go down towards the church or you can continue to the north, to reach the part of the most exposed path on the cliffs and, further on,  the hill cultivated with olive trees that precedes the long descent towards the coastal town of Isola.


Santuario di Santa Maria della Visione (Strunjan). Francesco Valerio. Visione della Vergine